Solitudine e social media ai tempi del coronavirus

Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

Le restrizioni alle attività sociali sono state parte integrante delle risposte di molti paesi alla pandemia. Non c'è dubbio che tali "blocchi" abbiano contribuito a prevenire la diffusione della malattia e, di conseguenza, abbiano salvato vite umane.

Tuttavia, queste risposte hanno portato i loro problemi che devono essere riconosciuti. Uno di questi problemi è la solitudine, che, si sostiene, colpisce sempre più persone durante le restrizioni. Le società di social media si sono affrettate a suggerire che la loro tecnologia potrebbe offrire un aiuto importante in questo settore, e questo ha costituito una parte fondamentale delle loro campagne pubblicitarie, dall'inizio della pandemia. Tuttavia, la ricerca suggerisce che l'impatto dei social media sulla solitudine è complesso, e ci sono momenti in cui l'uso dei social media può aiutare e non aiutare ad alleviare questo problema.

È difficile sapere con precisione quante persone si sentono sole in un dato momento e le stime sulla solitudine prima del blocco variano notevolmente. Articoli pubblicati su riviste accademiche generalmente indicano che il numero di persone che soffrono di solitudine possa essere circa il 10% della popolazione, ma questo varia da rapporto a rapporto e da fascia di età a fascia di età. Particolarmente vulnerabili alla solitudine, nell’era pre-COVID, erano gli anziani, con una stima tra il 30% e il 100%. Al contrario, un sondaggio condotto durante la pandemia ha rilevato che circa il 25% dell'intera popolazione si è sentito solo in un certo periodo del lockdown. Questa cifra è salita a oltre un terzo di quelli tra i 18 ei 34 anni, suggerendo che i giovani sono colpiti in modo differenziato. Il maggiore impatto del lockdown sui soggetti più giovani è stato osservato anche in uno studio longitudinale, che ha dimostrato che essere giovani, donne, studenti/studentesse e con basso reddito erano tutti fattori di rischio per la solitudine durante il lockdown.

È in questo contesto che può essere considerato il ruolo dei social media nell'alleviare potenzialmente la solitudine. Non solo perché i social media sono una presenza così onnipresente nella vita della maggior parte delle persone, ma anche perché alcuni degli stessi gruppi che sembrano sentirsi più soli a causa del blocco sono anche gli stessi gruppi che tendono a utilizzare i social media più spesso: i giovani e, in una certa misura, le donne. Questo fatto suggerisce che i social media non funzionano nel ridurre la solitudine da lockdown? A questa domanda è difficile rispondere, poiché non sappiamo cosa sarebbe successo se quei gruppi non avessero avuto accesso ai social media. Tuttavia, conosciamo alcuni dei predittori di quando i social media aiuteranno e quando no, e conosciamo le relazioni tra questi gruppi vulnerabili e questi predittori.

Sembra esserci evidenze che suggeriscono che i giovani hanno utilizzato con maggiore frequenza i social media durante i periodi di blocco rispetto a prima, con uno studio che suggerisce che fino al 75% degli adolescenti riferisce di utilizzare i social media molto più di prima. Secondo un gruppo di ricercatori, questa dovrebbe essere una buona notizia: uno studio di un gruppo di ricercatori associati all'Università di Oxford ha suggerito che la tecnologia potrebbe essere utilizzata per gestire la solitudine.

Altre ricerche dipingono un quadro più complicato degli effetti dei social media sulla solitudine. Sembra che l'uso dei social media in modalità lockdown sia associato a due fattori: ansia e solitudine. Questi due fattori psicologici guidano l'utilizzo dei social media in modi molto diversi, con risultati abbastanza diversi.

Le persone ansiose usano i social media per cercare informazioni su come affrontare la pandemia e questo sembra renderle più felici. Almeno, fino a un certo punto. Due fattori pongono un limite all'aumento della loro felicità e talvolta possono invertire questa tendenza. Il primo fattore rappresenta un curioso ciclo: le persone ansiose usano Internet per far fronte alle loro incertezze e preoccupazioni. Le loro ricerche inizialmente li rendono felici, presumibilmente alleviando parte della loro ansia. Questo rafforzamento potrebbe portare a un maggiore utilizzo dei social media. Tuttavia, questo maggiore utilizzo dei social media ha lo sfortunato risultato di aumentare la loro ansia. In secondo luogo, l’accedere a troppe informazioni a seguito dell'uso dei social media, spesso implica l'acquisizione di informazioni contrastanti, allora, lungi dal ridurre l'ansia, questo può aumentare il problema.

Per quanto riguarda il secondo fattore, le persone sole tendono a utilizzare i social media durante il COVID per entrare in contatto con i loro amici e familiari. La ricerca suggerisce che l'isolamento sociale provato da questi individui durante il blocco molto probabilmente rafforza la loro visione della propria solitudine, spingendoli a trovare un contatto negli unici modi a loro disposizione, come diventare membri delle comunità digitali. Tuttavia, questa forma di contatto sociale non li rende più felici. Questo risultato negativo non dovrebbe sorprendere, poiché è stato precedentemente stabilito che i social media non riducono effettivamente la solitudine, ma tendono ad aumentare tali sentimenti.

Questo problema può essere particolarmente pronunciato per i giovani e per le donne; gruppi che tendono entrambi a impegnarsi in confronti sociali in larga misura. I risultati degli studi hanno dimostrato che, mentre la navigazione sui social media riduce la solitudine, la pubblicazione e l'interazione tendono ad aumentarla. Questo effetto è influenzato dal grado in cui vengono effettuati i confronti sociali, in quanto i social media aiutano solo coloro che non si impegnano in tali confronti, il che potrebbe escluderlo come utile per le stesse persone che si sentono più solitarie (i giovani, e le donne), poiché queste persone tendono maggiormente a fare confronti sociali.

Pertanto, abbiamo una situazione in cui i social media sembrano essere dei mezzi che ci permettono di affrontare la solitudine durante il lockdown, e ciò è quanto viene pubblicizzato dalle società di social media. Tuttavia, le prove suggeriscono che questo aiuto potrebbe essere limitato. Usare le risorse informative, con parsimonia e saggezza, può aiutare con l'ansia, ma non ci sono prove convincenti che questi mezzi possano influenzerare la solitudine e nessuna prova convincente che questa forma di tecnologia sia un vero sostituto di altre forme di contatto sociale (il telefono, per esempio). Fino a quando il contatto sociale faccia a faccia non sarà sicuro, potremmo aver bisogno di pensare ad altri modi oltre ai social media per fornire supporto ai solitari durante il lockdown.

BIBLIOGRAFIA

Bu. F., Steptoe A. & Fancourt D. (2020). “Lonliness during a strict lockdown: Trajectories and predictors during the COVID-19 pandemic in 38, 217 United Kingdom adults”. Social Science & Medicine, 265, 1-6.
Boursier V., Gioia F., Musetti A. & Schimmenti A. (2020).  “Facing loneliness and anxiety during the COVID-19 isolation: the role of excessive social media use in a sample of Italian adults”. Frontiers in Psychiatry, 11, 1-10.


Dott. Rosario Privitera
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale specialista in tematiche LGBT+
rosarioprivitera.it

Dott. Massimo Amabili
P.I. 01827260678

Ordine degli Psicologi dell'Abruzzo n. 1994
Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità

declino responsabilità | privacy | cookie policy | codice deontologico

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

© 2020 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Massimo Amabili
© 2020. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.psicologi-italia.it