La pandemia ha influenzato la nostra vita sessuale?

Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

Negli ultimi due mesi sono emersi risultati interessanti che ci danno un'idea di come la pandemia stia influenzando le nostre vite sessuali. Ecco cosa sappiamo finora:

1. Alcuni di noi stanno avendo meno attività sessuale in coppia

I ricercatori in Cina hanno condotto uno studio online tra il 1 ° maggio e il 5 maggio 2020 con l'obiettivo di esplorare l'impatto della pandemia sulla salute sessuale e riproduttiva dei partecipanti.

I partecipanti includevano 967 individui tra i 15 ei 35 anni (l'età media era 26,6) che hanno riferito di aver fatto sesso almeno una volta nei 6 mesi precedenti. I ricercatori erano specificamente interessati ad esplorare il livello di desiderio sessuale dei partecipanti, la frequenza sessuale, la frequenza della masturbazione e le abitudini di visione della pornografia.

Gli autori hanno identificato che il 22% del loro campione (n = 212) ha riportato una diminuzione del desiderio sessuale e il 41% (n = 396) ha registrato una diminuzione della frequenza dei rapporti sessuali.

Tuttavia, nonostante alcuni partecipanti abbiano segnalato un'attività sessuale meno associata, il 30% (n = 291) ha riportato un aumento della frequenza della masturbazione e il 23% (n = 227) ha riportato un aumento dell'uso della pornografia.

2. Il funzionamento sessuale sembra essere in diminuzione per alcune donne

I ricercatori italiani si sono interessati a come le misure di allontanamento sociale a seguito della pandemia COVID-19 avrebbero avuto un impatto sulla funzione sessuale e sulla qualità della vita delle donne in età riproduttiva che convivono con i loro partner sessuali.

I partecipanti erano 89 donne di età compresa tra 28 e 50 anni (l'età media era 39 anni) che hanno risposto a domande sul loro funzionamento sessuale prima dell'introduzione delle misure restrittive e poi sono state invitate a rispondere agli stessi questionari 4 settimane dopo l'entrata in vigore delle misure restrittive posto. I risultati hanno suggerito che la frequenza media dei rapporti sessuali segnalati è diminuita da 6,3 al mese prima del blocco a 2,3 volte al mese dopo il blocco.

Gli autori hanno anche concluso che il funzionamento sessuale delle donne (una misura complessiva del desiderio sessuale, dell'eccitazione, della lubrificazione, dell'orgasmo e della soddisfazione) è diminuito significativamente nello stesso periodo di tempo come risultato diretto delle misure di autoisolamento.

3. Un aumento dei conflitti può portare a una minore attività sessuale

Utilizzando un sondaggio online rappresentativo a livello nazionale, alcuni ricercatori hanno esplorato la potenziale influenza del conflitto relazionale correlato al coronavirus su vari comportamenti intimi e sessuali. Il loro campione includeva 742 partecipanti a relazioni di età compresa tra 18 e 94 anni. Ai partecipanti è stato chiesto: "Hai sperimentato un aumento della tensione, delle discussioni o delle difficoltà nel tuo rapporto con il tuo partner romantico a causa della diffusione del nuovo coronavirus e delle relative restrizioni?" I partecipanti sono stati quindi codificati in una delle due categorie: gruppi "alcuni conflitti" o "non conflitti".

Ai partecipanti è stato anche chiesto di riferire sul loro impegno nei seguenti comportamenti sessuali e intimi: abbracciare, baciare, tenersi per mano o coccolarsi con un partner, masturbarsi da soli; masturbarsi insieme a un partner, dare o ricevere sesso orale e impegnarsi in rapporti pene-vaginali.

Tra i partecipanti alle relazioni, il 34% ha riportato un certo grado di conflitto con i propri partner romantici a causa della diffusione di COVID-19 e delle sue restrizioni correlate. Rispetto a coloro che non hanno avuto un conflitto correlato al coronavirus, coloro che hanno avuto conflitti frequenti avevano una probabilità significativamente maggiore di riportare una diminuzione della frequenza di tutti e cinque i comportamenti intimi e sessuali da soli e in coppia sopra elencati, suggerendo che lo stress stava avendo un effetto di ricaduta sulla vita sessuale.

4. Meno sesso non significa meno novità

I ricercatori affiliati al Kinsey Institute hanno condotto uno studio online per esplorare come la pandemia abbia influenzato vari aspetti della nostra vita intima. Il loro studio consisteva in 1.559 adulti di età compresa tra 18 e 81 anni (l'età media era di 34,1 anni). Poco più della metà del campione (52,7%) identificato come eterosessuale, l'84,1% era bianco e il 69% ha riferito di vivere con il proprio partner.

I ricercatori hanno riferito che quel 43,5% del campione ha notato un calo della qualità della propria vita sessuale. Tuttavia, hanno anche notato che un partecipante su cinque (20,3% per cento) ha riferito di espandere il proprio repertorio sessuale incorporando nuove attività sessuali. Queste nuove attività sessuali includevano cose come il sexting, provare nuove posizioni sessuali e condividere fantasie sessuali.

Cosa c'è di più? I partecipanti che hanno riferito di aver apportato nuove aggiunte alla loro vita sessuale avevano tre volte più probabilità di segnalare miglioramenti.

In conclusione la pandemia ci sta colpendo in una miriade di modi: mentre alcuni potrebbero scoprire che l'aumento del tempo a casa ci fa sentire più vicini ai nostri partner o più aperti a sperimentare nuove attività sessuali, alcuni di noi stanno sperimentando alcuni effetti dannosi sulla nostra relazione intima e sul funzionamento sessuale. Se cadi in quest'ultimo campo, trova conforto nel sapere che non sei solo e che la diminuzione della frequenza sessuale e del desiderio sono esperienze comuni, in particolare nel mezzo di una pandemia globale.

BIBLIOGRAFIA

Li G., Tang D., Song B., Wang C., Qunshan S., Xu C., Geng H., Wu H., He X. & Cao Y. (2020). “Impact of the COVID-19 Pandemic on Partner Relationships and Sexual and Reproductive Health Cross-Sectional Online Survey Study. Journal of Medical Internet Reseach, 22, 1-11.

Luetke M., Hensel D., Herbenick D. & Rosenberg M. (2020). “Romantic Relationship Conflict Due to the COVID-19 Pandemic and Changes in Intimate and Sexual Behaviors in a Nationally Representative Sample of American Adults”. Journal of Sex & Marital Therapy, 46, 747-762.

Schiavi M.C., Spina V., Zullo M.A., Colagiovanni V., Luffarelli P., Rago R. & Palazzetti P. (2020).”Love in the time of COVID-19:sexual function and quality of life analysis during the social distancing measures in a group of italian reproductive-age women”. The Journal of Sexual Medicine, 17, 1407-1413.


Dott. Rosario Privitera
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale specialista in tematiche LGBT+
rosarioprivitera.it

Dott. Massimo Amabili
P.I. 01827260678

Ordine degli Psicologi dell'Abruzzo n. 1994
Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità

declino responsabilità | privacy | cookie policy | codice deontologico

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

© 2020 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Massimo Amabili
© 2020. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.psicologi-italia.it