Seguimi:

Come parlare alle persone che ami quando sei preoccupato per la loro salute mentale in epoca di pandemia

Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

  • Home
  • Come parlare alle persone che ami quando sei preoccupato per la loro salute mentale in epoca di pandemia
Come parlare alle persone che ami quando sei preoccupato per la loro salute mentale in epoca di pandemia   - Psicologo Ascoli Piceno e Teramo

La pandemia COVID-19 e la conseguente recessione economica hanno influenzato negativamente la salute mentale di molte persone e creato nuove barriere per le persone che già soffrono di malattie mentali e disturbi da uso di sostanze. In un sondaggio condotto a metà luglio, il 53% degli adulti negli Stati Uniti ha riferito che la loro salute mentale ha subito un impatto negativo a causa della preoccupazione e dello stress per il coronavirus. Questo è significativamente più alto del 32% riportato a marzo, la prima volta che questa domanda è stata inclusa nel sondaggio. Molti adulti segnalano anche impatti negativi specifici sulla loro salute mentale e sul loro benessere, come difficoltà a dormire (36%) o mangiare (32%), aumento del consumo di alcol o uso di sostanze (12%) e peggioramento delle condizioni croniche (12%), a causa della preoccupazione e dello stress per il coronavirus. Con il progredire della pandemia, le misure di salute pubblica continue e necessarie espongono molte persone a situazioni legate a scarsi risultati di salute mentale, come l'isolamento e la perdita del lavoro.

L'impatto della pandemia e la risposta necessaria per limitarne l'impatto hanno davvero cambiato lo stile di vita delle persone in modi drammatici che riducono la qualità della vita di molte persone.

Alcune persone potrebbero trovare più difficile accedere ai soliti supporti sociali, come stare con i propri cari. Ma molti esperti hanno sottolineato che ci sono molti modi per esserci, anche da lontano, per chi sta lottando.

"C'è una differenza tra essere soli e sentirsi soli", ha detto John Draper, direttore esecutivo della National Suicide Prevention Lifeline. "Sentirsi soli è sentirsi come se nessuno si preoccupasse di te, nessuno ti valorizza, quindi è davvero importante ora per noi far sapere alle persone a cui teniamo o per cui siamo preoccupati quanto ci teniamo a loro e apprezzarli."

Ecco alcuni modi in cui gli esperti dicono che puoi essere lì per i tuoi cari, anche se non puoi esserci fisicamente.

PRESTARE ATTENZIONE

È possibile individuare i segnali che qualcuno potrebbe attraversare un momento difficile, anche se non stai interagendo di persona, secondo gli esperti. Le videochiamate regolari possono darti "occhi sul posto", ma se ritieni di non poter vedere abbastanza, si consiglia di porre domande mirate sul comportamento della persona e sulla vita familiare. E’ possibile chiedere se qualcuno si alza e si fa la doccia, oppure se si stanno lavando i denti, se stanno cambiando i loro vestiti, se mantengono pulita la loro casa o se il loro frigorifero è pieno di cibo o no. Queste domande possono darci un'indicazione di quanto sia significativo l'impatto della solitudine e dell'isolamento da COVID. È anche importante prestare attenzione a una "assenza di cose”: se le persone ignorano le tue telefonate e messaggi di testo, non pubblicano sui social media con la frequenza con cui erano soliti o rifiutano gli inviti alle celebrazioni virtuali delle festività, quelli sono potenzialmente segnali preoccupanti.

NORMALIZZARE LE CONVERSAZIONI SULLA SALUTE MENTALE

Anche se uno dei "lati positivi" della pandemia è che ha reso più accettabile parlare di salute mentale, alcune persone hanno ancora difficoltà ad aprirsi. Tutti sono un po 'stressati e esausti, quindi non hanno il tipo di risorse mentali per impegnarsi in entrambi i casi.

Tuttavia, diversi esperti incoraggiarono a fare lo sforzo di imparare come avere queste conversazioni critiche. Parlare di salute mentale dovrebbe essere simile a chiedere alle persone della loro salute fisica, ha detto Doreen Marshall, vicepresidente della missione presso la Fondazione americana per la prevenzione del suicidio. Se qualcuno dice che ha avuto problemi di stomaco, non abbiamo problemi a tornare da lui e dire: 'Ehi, come va il tuo stomaco? La scorsa settimana non ti sentivi bene ". Dobbiamo fare lo stesso per le conversazioni sulla salute mentale e dire: 'Ehi, ti sto seguendo. So che la scorsa settimana sembravi piuttosto giù di morale e volevo parlarne di più con te”. E’, però, importante ascoltare davvero: quando chiedi a qualcuno come sta, devi fermarti e aspettare la risposta, e devi fargli sapere che questo è qualcosa a cui tieni veramente e che vuoi sentire, che vuoi prestare attenzione.

NON AVERE PAURA DI CHIEDERE SULL’AUTOLESIONISMO E IL SUICIDIO

Molte persone sono riluttanti a chiedere direttamente a qualcuno se hanno pensato di farsi del male. Possono essere preoccupati di offendere o di mettere il pensiero nella testa di quella persona oppure hanno paura di non sapere cosa fare se la risposta è sì.

La ricerca, tuttavia, ha dimostrato che chiedere informazioni sull'autolesionismo o sul suicidio non aumenta il rischio. In effetti, dire: 'Sono solo preoccupato per te, voglio assicurarmi che tu stia bene', è in realtà un segnale per loro che ci tieni davvero e che sei qualcuno a cui possono rivolgersi per supporto. Si potrebbe anche spiegare perché sei preoccupato, ad esempio dicendo alle persone che hai notato che il loro umore è cambiato e che non usano più i social media.

Non solo stai facendo la domanda, che è una cosa incredibilmente gratificante da fare, ma stai notando: 'Sto prestando attenzione a te. Ho notato. Sono preoccupato’.

E se le persone ti dicono che stanno avendo pensieri suicidi, fagli sapere che continuerai a sostenerle durante questo periodo e che le aiuterai a ottenere assistenza.

SAPERE COME PUOI ESSERE D’AIUTO

Se qualcuno sta lottando con la sofferenza mentale ma non è al punto di considerare l'autolesionismo, potresti non essere sicuro di quanto essere coinvolto. Se sei preoccupato, potresti provare a essere proattivo programmando i tempi per parlare e trovando altri modi per aumentare la connessione. Questo potrebbe anche aiutare a togliere la tensione da qualcuno preoccupato di gravare sugli altri.

Se non puoi controllare qualcuno di persona e sei preoccupato che non ti stiano dicendo tutto, gli esperti incoraggiano a condividere le informazioni sulle hotline di emergenza. Si potrebbero anche avere conversazioni incorniciate intorno a una situazione ipotetica, ad esempio, dicendo: "Forse questo non è vero ora, ma se ciò accade, voglio davvero esserci per te. Cosa faresti se arrivassi a quel punto? " Oppure vedere se si sentirebbero più a loro agio a parlare con qualcun altro.

RESTA CONNESSO E SEGUI

Per le persone che vivono nella stessa casa, gli esperti suggeriscono di trascorrere più tempo con le persone di cui potresti essere preoccupato. E’ come far sentire all’altro un senso fisico di conforto, sicurezza e protezione, quando qualcuno si sente ansioso e può dire a se stesso: 'Oh, questa è la persona che alla fine si preoccupa che io sia al sicuro, ed è letteralmente dall’altra parte del tavolo’.

Anche se non puoi stare fisicamente con qualcuno che sta attraversando un periodo difficile, ci sono molti modi per ricordare loro che hanno ancora forti legami con le persone a cui importa. Oltre a programmare check-in regolari tramite telefono o video, puoi anche offrire supporto in modi più spontanei, come l'invio di un biglietto a caso o piccoli regali. Qualunque cosa per far sapere alle persone che sono nella tua mente.

È importante ricordare che potresti essere più capace di aiutare qualcuno in un momento difficile di quanto pensi. Ci sono alcune cose che posso dire a qualcuno che i terapeuti per ovvi motivi non possono dire. E cioè: ‘Non importa cosa, sarò sempre lì per te, o, 'Significhi tanto per me' o, 'Ti voglio bene'. Queste sono parole salvavita che solo i tuoi cari possono dire che sono incredibilmente connettenti e potenti per le persone che si sentono disperate e sole.

BIBLIOGRAFIA
Ammar A., Mueller P., Trabelsi K., Chtourou H., Boukhris O., et al. (2020). “Psychological consequences of COVID-19 home confinement: The ECLB-COVID19 multicenter study”. PLOS ONE 15, 11, 1-13.
Brooks S.K., Webster R.K., Smith L.E., Woodland L., Wessely S. & Greenberg N. (2020). The psychological impact of quarantine and how to reduce it: rapid review of the evidence. Lancet, 395, 912-920.
Pietrabissa G. & Simpson S. G. (2020). Psychological consequences of social isolation during COVID-19 outbreak”. Frontiers in Psychology, 11, 1-4.

Dott. Massimo Amabili
Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo