Seguimi:

Coltivare la Self-Compassion: imparare ad accettare sè stessi

Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

  • Home
  • Self-Compassion: imparare ad accettare sè stessi

L' auto-compassione o l'amare sé stessi possono essere concetti estranei per alcune persone. Ciò è particolarmente vero per coloro che sono cresciuti in contesti abusanti o non amorevoli, nei quali la compassione potrebbe essere stata inesistente.

Un costrutto tratto dalla psicologia buddista, l'auto-compassione si riferisce a un modo di rapportarsi al sé con gentilezza. Essa non deve essere confusa con l'arroganza o la presunzione, che di solito indica una mancanza di amor proprio.

Lo psicologo Kristin Neff è stato la prima persona a misurare e operativamente definire il termine descritto come self-compassion, inteso come la gentilezza verso il sé, che comporta l'essere gentile, di sostegno e comprensione: "Piuttosto che giudicare severamente se stessi per carenze personali , al proprio sé viene offerto calore e accettazione incondizionata ". In altre parole, essere gentili con noi stessi nel bene e nel male, in salute e in malattia, e anche quando facciamo degli errori. Avere auto-compassione significa essere in grado di riconoscere la differenza tra il prendere una decisione sbagliata e l'essere una persona sbagliata. Quando si dispone di auto-compassione, si capisce che il vostro valore è incondizionato.

Perché Self-Compassion?
Negli ultimi dieci anni o giù di lì, la ricerca ha sempre dimostrato una correlazione positiva tra l'auto-compassione ed il benessere psicologico. Le persone che hanno auto-compassione hanno anche maggiori relazioni sociali, intelligenza emotiva, felicità, ed un più alto grado di soddisfazione generale della vita. La presenza di self-compassion è stata anche correlata con minori ansia, depressione, vergogna e paura del fallimento.

Ravi Shah, assistente professore alla cattedra di psichiatria presso la Columbia University Medical Center, ritiene che l'auto-compassione sia fondamentale per una sana autostima e una buona resilienza: "Si discute molto oggi sul narcisismo e i suoi problemi, ma per le persone è una buona cosa avere un po ' di narcisismo sano. " In questo modo si otterebbe un senso stabile di sé quando le cose non vanno bene nella vita, che si tratti di una brutta giornata, una perdita in concorrenza, o la perdita di un lavoro. Se perdiamo il nostro senso di autostima durante queste sfide della vita, avremo difficoltà a rialzarci in piedi.

"Se non sappiamo amare noi stessi, come diavolo possiamo amare qualcun altro?"

Le persone che non hanno auto-compassione spesso mostrano modelli di rapporti malsani. Secondo l'autore Anis Qizilbash "il come ti trattano riflette il come si lascia che gli altri ti trattino. Se sei cattivo con te stesso, crei uno standard di quanti abusi accetti dagli altri e di conseguenza finisci per attrarre relazioni violente e irrispettose ".
Se ci teniamo standard impossibili, se non abbiamo mai il beneficio del dubbio, è probabile che avremo problemi a farlo con gli altri. E pensare ai sentimenti degli altri e dare agli altri delle pause sono competenze chiave per lo sviluppo di solide relazioni. "
Quando abbiamo l'auto-compassione, ci sono meno probabilità di dipendere dagli altri per convalidare la nostra autostima.

La Psicologa Carla Marie Manly crede che la self-compassion sia un ingrediente necessario per una sana relazione: "Se un individuo trascura sé stesso mentre si sacrifica per gli altri, questo disequilibrio finirà per costargli caro. Quando una persona ha vera compassione per sé stessa, la compassione sostiene i rapporti sani e bilanciati. "
Qui di seguito ci sono 5 modi per iniziare a praticare l'auto-compassione e smetterla di essere così duri con se stessi:

1. Fatevi delle concessioni come si farebbe con un bambino piccolo.

La Manly suggerisce di considerare ciò che un bambino potrebbe desiderare o necessitare in una situazione dolorosa. Quel bambino potrebbe essere il vostro, o si potrebbe immaginare se stessi come quel bambino. "Anche se molti adulti non hanno compassione per se stessi, sono spesso in grado di riconoscere che un bambino con una puntura d'ape o un ginocchio ferito vuole / deve essere abbracciato o contenuto. Molti progressi possono essere fatti dando sé stessi la stessa compassione che si potrebbe dare ad un bambino." Si potrebbe anche pensare al modo in cui ci si curerebbe di un buon amico, o anche di un animale domestico al quale si è affezionati, per poi iniziare a trattarsi di conseguenza.

2. Praticate la Mindfulness.

Quando ci troviamo intrappolati in una raffica di autocritiche, è spesso perché abbiamo dato voce ai nostri pensieri negativi – di solito sono quelli che giocano a ripetersi nelle nostre teste: "Dici sempre cose stupide. Non si sa di cosa stai parlando. Ecco perché nessuno ti piace, "e così via. La Mindfulness, o stato di consapevolezza non giudicante, è un antidoto per queste situazioni.

La Psicoterapeuta Megan Bruneau suggerisce la pratica semplice della consapevolezza di pensieri e sentimenti, in particolare sulla "voce interiore critica" – senza cercare di cambiare nulla. Lei aiuta i suoi pazienti a comprendere come la loro voce interiore critica sia stata utile in passato. "Da che cosa o da chi ti ha protetto? Come ti ha motivato o confortato? Una volta trovata comprensione e compassione per la propria voce critica, la si può ringraziare per le sue buone intenzioni. "

3. Ricordate che non siete soli.
La Dott.ssa Bruneau ricorda ai suoi pazienti che il sentirsi così inutili o senza valore è proprio degli esseri umani, e che quello che stanno attraversando viene sperimentato da milioni di altre persone. Se siamo in grado di riconoscere la nostra comune umanità – e che nessuno di noi è perfetto – possiamo cominciare a sentirci più connessi agli altri, nel senso che siamo tutti sulla stessa barca.
Daniel Bober, un professore assistente clinico presso la Yale University School of Medicine, è d'accordo: "L'auto-compassione è essere gentili con noi stessi e renderci conto che la condizione umana è imperfetta e che i nostri difetti e le battute d'arresto dovrebbero collegarci e non ci dividerci."

4. Datevi il permesso di essere imperfetti.

L' editorialista Leigh Trescott dice che "l'auto-compassione è dare a noi stessi il permesso di essere umani, di essere viziati e sensibili, pigri e improduttivi, senza dover definire noi stessi in base a quei sentimenti e modi di essere. Si tratta di coltivare un punto di vista su noi stessi senza perdere mai la fiducia nel nostro potenziale solo perché si decide di volare via verso la notte del divertimento o si decide di trascorrere la serata nel buco del nostro appartamento per tutto il weekend. "

5. Lavorate con un terapeuta
Sappiamo che il nostro cervello ha la capacità di imparare l'auto-compassione, ma coltivare nuovi modelli di pensiero o comportamento richiede uno sforzo. "E 'difficile imparare l'auto-compassione tutto da soli", afferma Shah "la terapia fornisce un ambiente sicuro in cui il terapeuta può aiutarvi a: 1. Individuare i vostri pensieri e sentimenti; 2. avere una prospettiva realistica di se stessi e degli altri; e 3. dimostrare empatia per voi. Nel tempo, si inizierà a interiorizzare queste competenze e integrarle nella propria prospettiva di vita. "

Trovare un terapeuta con il quale ci si sente al sicuro e sostenuto è la chiave. Ci sono molti modi per trovare un buon terapista, l'importante è che appartenga all'Albo Professionale degli Psicologi, magari si può chiedere informazioni ad un amico fidato che ha già fatto questa esperienza. Il tuo terapeuta dovrebbe aiutarti a vedere attraverso il fumo e gli specchi delle credenze negative per trovare la strada e tornare ad essere la persona straordinaria che sei sempre stato.

Fonti

Barnard, L. & Curry, J.F. (2011). Self-Compassion: Conceptualizations, Correlates, & Interventions. Review of General Psychology, Vol. 15, No. 4, 289–303

Dott. Massimo Amabili
Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

Che cosa fa lo psicologo?

Facebook

Instagram

Instagram

Articoli recenti