Seguimi:

La battaglia degli strizzacervelli su Donald Trump!

Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

  • Home
  • La battaglia degli strizzacervelli su Donald Trump!

Da diversi giorni ormai, da quando lo psicologo John Gartner ha postato una petizione su Facebook dichiarando che Donald Trump dovesse essere rimosso dal suo incarico perché affetto da "una grave malattia mentale che lo rende psicologicamente incapace di farsi carico con competenza delle funzioni di Presidente degli Stati Uniti," quasi 12.000 psicologi, psichiatri e altri professionisti della salute mentale hanno firmato trovandosi d'accordo.

Sebbene la petizione non abbia alcun potere legale e possa essere legata al momento della pubblicazione, come una mossa strategica (è stata creata poche ore prima che Trump emettesse un ordine esecutivo altamente controverso che vieta gli immigrati provenienti da alcuni paesi musulmani), ha incarnato ciò che altri privatamente avevano già supposto. E così facendo, si è creata una spaccatura grande e crescente all'interno della comunità della salute mentale.

In lizza ci sono tre problemi significativi e intrecciati. E' possibile che Donald Trump o qualsiasi personaggio pubblico possa essere giudicato affetto da malattie mentali, anche in base a specifici e ben descritti criteri, che riflettono il comportamento osservabile? È etico o opportuno per i professionisti della salute mentale avventurarsi in atti di pubblica diagnosi? La psicologia è strumento adatto per affrontare le questioni di governance?

Gartner, uno psicologo di uno studio privato di Baltimora e New York, autore di una psicobiografia di Bill Clinton, ex docente di psichiatria presso la Johns Hopkins, sostiene che Trump "manifestamente" soddisfa i criteri del DSM-pubblicati per almeno tre disturbi della personalità: disturbo narcisistico di personalità (NPD), disturbo antisociale di personalità e disturbo di personalità paranoide. Si tratta di una "miscela tossica" che a suo parere non solo rendono Trump "pericoloso", ma anche ascrivibile al cosidetto "narcisismo maligno", non una diagnosi formalizzata nel Manuale Diagnostico e Statistico ma un'etichetta (nota nell'ambiente della salute mentale) coniata dallo psicologo e psicoanalista di origine tedesca Erich Da.

Ciò che rende possibile fare diagnosi a Trump, dice Gartner, è che il DSM versione 5 correntemente in uso, pone la patologia nel regno dell'osservabile. Esso descrive i comportamenti problematici, non le possibili cause. Ad esempio, "quando Trump dichiara di conoscere l'ISIS più dei generali, egli mostra grandiosità", uno dei criteri per il disturbo narcisistico di personalità. O quando istruisce il National Parks Service di non rendere pubbliche le fotografie che mostrano gradinate vuote durante la sfilata inaugurale, sta rivelando in maniera evidente il suo bisogno di ammirazione.

Grave come un NPD è, ciò che rende Trump particolarmente pericoloso, secondo Gartner, è la sua natura antisociale manifesta, egli conferma i criteri del DSM-5, l'impulsività, l'inganno (il suo uso di pseudonimi, come John Barron nelle registrazioni che esprimono sostegno per le sue attività ), l'incapacità  ad obbedire alle leggi e norme (ad esempio il suo rifiuto di mostrare le dichiarazioni dei redditi). "Non abbiamo mai avuto un presidente antisociale", dice Gartner. "Ciò significa che non ci sono guard-rail per noi."

E' stato ampiamente considerato come non etico-una violazione del cosiddetto Goldwater Rule-per gli esperti di salute mentale il fatto di porre una diagnosi professionale di qualsiasi persona che non abbiano personalmente esaminato. La regola è stata fondata nel 1973 dalla American Psychiatric Association ed è ancora oggi in vigore. Anche se agli psicologi non è espressamente vietato fare dichiarazioni pubbliche per la salute mentale dei personaggi pubblici, l'American Psychological Association ha affermato la regola e gli psicologi generalmente la rispettano.

Ma Gartner sostiene che la comunità della salute mentale ha il dovere di proteggere la popolazione nonostante la Regola Goldwater, e che da subito, dall'inaugurazione, Trump stesso ha dimostrato di essere "un pericolo chiaro e presente". Per di più, egli ritiene che la retogla Goldwater non sia più rilevante perché è stato stabilita prima che il DSM optasse per la diagnosi basata sul comportamento. "Non abbiamo bisogno di intervistare Donald Trump per ottenere informazioni affidabili. Abbiamo un sacco di dati sulla base di sue azioni. Il DSM non è un libro difficile da leggere. Le menzogne di Trump sono state documentate pubblicamente dal The New York Times ".

La Regola Goldwater è valida come sempre, insiste Steven Berglas, uno psicologo di Los Angeles, executive coach e consulente. Per di più, dice, la petizione di Gartner è un abuso palese del DSM. "Non si può distinguere dal comportamento pubblico se il comportamento di una persona rappresenta un stile di personalità autentica o è coreografia." Come sappiamo, si chiede, che Trump non stia "gettando palle di vernice contro il muro, creando il caos in modo che possa poi ripulirlo in un momento successivo per ottenere ciò che vuole. "In realtà – fa notare- il Presidente sembra comportarsi abbastanza razionalmente in quanto egli adempie alle sue promesse elettorali.

"Sono specializzato in narcisisti," dice Berglas. "Molti leader efficaci sono narcisisti. La diagnosi non è un randello da utilizzare in giro per rabbia." Il DSM è destinato a dare linee guida per i trattamenti, e perde valore quando viene applicato alla diagnosi a distanza. Secondo Berglas il DSM dovrebbe venire stampato con un'etichetta di avvertimento: non utilizzare questo a casa.

Considerando la petizione di Gartner "un capriccio", Berglas insiste sul fatto che tenere fuori terroristi nel modo sbagliato non permette di considerare Trump malato di mente. E il fatto che Donald Trump prenda in giro un giornalista è deplorevole, ma questo non significa che sarà più veloce a premere il pulsante nucleare.

"Donald Trump è un essere umano completamente inadeguato", insiste Berglas. "Questa è una questione di rilevanza per l'elettorato. Perché non è importante l'onestà per gli elettori? "

E questa è una delle tante critiche che lo psichiatra Allen Frances pone a livello dei "tentativi ben intenzionati ma maldestri" di dichiarare Donald Trump malato di mente. "Donald Trump è cattivo-cattivo, non pazzo-e incompetente. Lui è una minaccia per la democrazia. La sua idoneità per un ufficio dovrebbe essere affrontata politicamente, non psicologicamente "dice Frances.

"Ho scritto i criteri per disturbi di personalità", afferma Frances, professore emerito alla Duke. Le diagnosi pubbliche sbandierate sono imprecise e "perdendo il punto", sostiene. Ignorano il criterio che i sintomi devono causare disagio e perdita di valore. "Donald Trump provoca sofferenza agli altri, non a se stesso. Egli viene ricompensato per i suoi comportamenti. "

C'è la malattia, sostiene Frances, ma egli ritiene che sia nella società in generale. "Stiamo ignorando le minacce ai beni esistenziali dovuti a sovrappopolazione, clima, disuguaglianza." La cura per questa malattia, crede sia l'attivismo politico e l'elezione di funzionari a cui affidarsi per fronteggiare "i problemi reali."

Fonti:

Articolo in lingua originale di Hara Estroff Marano pubblicato su Psychology Today

Dott. Massimo Amabili
Psicologo e Psicoterapeuta Ascoli Piceno e Teramo

Che cosa fa lo psicologo?

Facebook

Instagram

Instagram

Articoli recenti